MODELLO ORGANIZZATIVO 231-2001

 

RovigoBanca Credito Cooperativo, in ottemperanza al Decreto Legislativo n. 231 entrato in vigore il 4 luglio 2001 ed in linea con i principi di responsabilità e trasparenza nei confronti dei soggetti interni ed esterni, si è dotata di un Modello di organizzazione e di gestione.

Il Decreto Legislativo 231/01 ha introdotto nell’ordinamento italiano, a carico degli Enti forniti di personalità giuridica, un principio di responsabilità amministrativa per precise tipologie di reati commessi nell'interesse o vantaggio degli Enti stessi da persone fisiche che ne rivestano funzioni di rappresentanza, amministrazione o governo, nonché dalle persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza di uno di tali soggetti.

La norma stabilisce, in sostanza, che le responsabilità dei soggetti giuridici si aggiungano a quelle della persona fisica che ha compiuto materialmente il fatto, con l'obiettivo di coinvolgere anche l'Ente nel meccanismo sanzionatorio di alcuni reati commessi da propri rappresentanti.

La normativa, dunque. amplia l’impatto della commissione di uno dei reati contemplati dal D.Lgs.231, attraverso il coinvolgimento diretto degli “Enti” che ne abbiano comunque tratto un interesse o un vantaggio.

L’”Ente”, per contro, non risponde dei reati commessi dai propri esponenti se dimostra:

  • di aver adottato ed efficacacemente attuato, prima della commissione del fatto, un modello di organizzazione e gestione idoneo a prevenire reati della specie di quello verificatosi;
  • che il compito di vigilare sul funzionamento e l’osservanza dei modelli, e di curare il loro aggiornamento, è stato affidato a un organismo dell’Ente dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo;
  • che le persone che hanno commesso il reato hanno agito eludendo fraudolentemente i modelli di organizzazione e gestione;
  • che non vi è stata omessa o insufficiente vigilanza da parte dell’organismo di vigilanza.

RovigoBanca Credito Cooperativo ha predisposto un proprio Modello di organizzazione e di gestione e, contestualmente, ha adottato un Codice Etico, che regola i rapporti tra la Banca ed i diversi portatori di interessi (soci, amministratori, dipendenti, clienti, fornitori, ecc.).

Ha inoltre istituito un Organismo di Vigilanza che avrà il compito di valutare l'applicazione dei principi stabiliti e l'efficacia delle misure adottate per prevenire la commissione dei reati identificati dal Decreto.

Tra le attribuzioni di tale istituto vi è la possibilità di ricevere segnalazioni su fatti o situazioni, commessi da esponenti della banca, che contravvengano ai principi di sana o corretta gestione indicati dal Codice Etico.

Tutti coloro che ne ravvisino la necessità possono inviare una mail all’indirizzo: organismodivigilanza231@rovigobanca.it.

 


DOCUMENTAZIONE DA SCARICARE

Documenti di descrizione del Modello Organizzativo

ex D.Lgs. 231/2001

Codice Etico

Delibera del Consiglio di Amministrazione del 15/03/2011

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Cookie Policy